La formazione 2018-2019 per laureati in discipline sanitarie (T2)

 

La formazione in Osteopatia del CENTRE POUR L' ETUDE, LA RECHERCHE ET LA DIFFUSION OSTEOPATHIQUES, Scuola appartenete ad A.I.S.O. (Associazione Italiana Scuole di Osteopatia) segue i criteri formativi definiti dai parametri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e permette l’iscrizione al Registro degli Osteopati d’Italia.

A decorrere  dal 2016-2017, la formazione si svolge nell'arco di 5 anni.

Per tutti gli allievi immatricolati fino all'anno accademico 2015-2016 resta invariato l'ordinamento in 6 anni.

Gli studenti avranno un "libretto studenti elettronico" ed un certificato della carriera scolastica. I corsi d'insegnamento sono frazionati in "moduli formativi" e terminano con "esame di profitto" per il conseguimento dei crediti formativi. Questo per specificare in modo dettagliato il piano degli studi ed il curriculum didattico secondo il modello dei fascicoli informativi ECTS (European Credit Transfer System).

Crediti Formativi Europei (ECTS)

Il sistema degli ECTS è uno strumento che rappresenta l'unità di misura del lavoro richiesto allo studente per l'espletamento delle attività formative.

Il sistema dei Crediti pone come obiettivo la quantificazione del carico di lavoro complessivo, articolato materia per materia, richiesto allo studente.

Con carico di lavoro si intendono le ore di lezione e di studio necessarie alla preparazione dell'esame.

La distinzione tra materie di base, materie caratterizzanti e materie integrative (o affini) è utile per il confronto con Facoltà affini (medicina, odontoiatria, fisioterapia ecc.).

I crediti corrispondenti a ciascun corso d'insegnamento sono acquisiti con il superamento del relativo esame.

 

Obiettivi formativi

Lo scopo dell'insegnamento è quello di formare professionisti dotati di elevate responsabilità etiche, deontologiche e professionali, nonché di tutte quelle conoscenze teoriche e pratiche necessarie per svolgere la propria professione in piena autonomia culturale, professionale, operativa e decisionale. Lo scopo del corso di studi è altrettanto finalizzato a formare professionisti che si limitano a svolgere attività inerenti alla individuazione ed eliminazione delle principali disfunzioni somatiche, senza per questo effettuare diagnosi, prescrizioni e terapie di tipo medico, e senza invadere competenze e campi di stretta pertinenza medica o di altre professioni sanitarie, ovvero formare esercenti della professione osteopatica che riconoscono i propri limiti nell’assistere l’utente e riconoscere l’esigenza di informare lo stesso circa l’opportunità di rivolgersi ad altre competenze per le terapie mediche, anche sviluppando un approccio al caso di tipo interdisciplinare, soprattutto in collaborazione con altre figure dell’équipe sanitaria.

 

Le competenze in ambito osteopatico

Quelle che seguono sono le competenze essenziali per la pratica osteopatica da acquisire in tutti i programmi formativi.

Le seguenti competenze, come esito finale del processo di apprendimento, sono classificate secondo i livelli dei “descrittori di Dublino”:

 

Conoscenze

  • Conoscenza delle origini, della storia, dei principi fondamentali e della terminologia dell'osteopatia.
  • Conoscenza e contestualizzazione delle scienze di base all’interno dei principi osteopatici e dei cinque modelli di struttura-funzione (biomeccanico, respiratorio-circolatorio, neurologico, biopsicosociale, energetico-metabolico).
  • Conoscenza dei principali quadri di malattia organica e delle relative diagnosi cliniche, necessaria alla conduzione della valutazione differenziale.
  • Conoscenza del razionale osteopatico e scientifico che spiega i meccanismi produttori, le caratteristiche della disfunzione somatica e le conseguenze che da essa possono derivare a livello locale, segmentario o generale.
  • Comprensione dei meccanismi di azione alla base degli interventi terapeutici manuali, nonché la risposta biochimica, cellulare e a livello di anatomia macroscopica.

 

Conoscenze applicate e abilità

  • Capacità di applicare i principi ed i concetti dei modelli di relazione struttura funzione capacità di rielaborare la raccolta delle informazioni valutative ed il progetto terapeutico.
  • Abilità nel condurre un esame fisico e nell’integrare test e dati, compresi i risultati di esami di laboratorio e di immagine diagnostica.
  • Capacità di effettuare la palpazione percettiva per la discriminazione delle caratteristiche dei vari tessuti corporei e dei ritmi biologici involontari.
  • Competenza in ambito palpatorio e clinico necessaria per riconoscere e valutare disfunzioni relative alla micromobilità dei tessuti corporei, con particolare riferimento alle disfunzioni somatiche.
  • Capacità di formulare una valutazione differenziale e un piano di trattamento appropriati, inclusa l’individuazione di eventuali controindicazioni relative o assolute al trattamento osteopatico.
  • Capacità di scelta e utilizzo delle tecniche osteopatiche necessarie alla correzione delle disfunzioni somatiche nei vari sistemi.

 

Capacità di giudizio

  • L’autonomia di giudizio dell’osteopata si concretizza in modo compiuto attraverso l’uso abituale e giudizioso della comunicazione, delle conoscenze, delle abilità tecniche, del ragionamento clinico, delle emozioni, dei valori, della riflessione nella pratica quotidiana a beneficio del singolo individuo o della comunità.
  • L’osteopata pratica autonomamente  la professione come attività sanitaria in relazione alla conoscenza del profilo professionale, del codice deontologico e dei riferimenti legislativi.

 

Capacità di comunicazione

  • Comunicare efficacemente con i pazienti e i componenti del loro contesto sociale (familiari, caregiver, …).
  • Comunicare con professionisti di altre professioni sanitarie, in un quadro di consulenza o come componenti di un’equipé.

 

Capacità di apprendimento

  • Capacità di valutare la letteratura medico-scientifica in modo critico e di integrare le relative informazioni nella pratica clinica.
  • Capacità di valutare criticamente la propria attività, anche con l’uso di strumenti di tipo statistico-epidemiologico, nell’ottica del miglioramento continuo di qualità.
  • Condurre un’auto-valutazione del proprio livello formativo in modo da mantenere il proprio sapere al più alto livello richiesto per la pratica professionale e progettare percorsi di auto-formazione per implementare le proprie competenze, con particolare riferimento all’ Evidence Based Practice.

 

Il corso è articolato in 320 ore di lezione all'anno da svolgersi della durata giornaliera di 8 ore con un’unità oraria di 60 minuti, più 340 ore di preparazione tesi e lavoro personale, per un totale di 1940 ore per l'intera formazione corrispondenti a 120 crediti formativi (ECTS). 

Il monte ore totale è così ripartito:

  • 260 ore di 60 minuti o 26 ECTS di materie di base
  • 850 ore di 60 minuti o 59 ECTS di materie caratterizzanti
  • 330 ore di 60 minuti o 15 ECTS di materie di ricerca (incluso lavoro personale di progetto di tesi)
  • 500 ore di 60 minuti o 20 ECTS di materie professionalizzanti

 

Materie

 Materie di base
 260 ore di 60 minuti = 26 ECTS
 Elementi di psicologia generale e sociologia

 Elementi di diagnostica per immagini Ortopedia

  • Radiologia 1
  • Radiologia 2
 Elementi di neuroanatomia e neurofisiologia
 Elementi di malattie del sistema nervoso

 Elementi di fisio-patologia clinica, semeiotica e diagnosi differenziale:

  • Ortopedia, reumatologia e medicina fisica
  • Elementi di malattie cardio-respiratorie
  • Nefrologia ed urologia
  • Gastroenterologia
  • Pediatria generale e specialistica
  • Ginecologia ed ostetricia
  • Elementi di malattie ORL ed appareato visivo
  • Odontoiatria
  • Endocrinologia

 Elementi di malattie psichiatriche e neuropsicologia infantile

 Elementi di clinica medica speciale specifica della scuola

  • Farmacologia
  • Dietetica e scienza della nutrizione
 Materie caratterizzanti
 850 ore di 60 minuti = 59 ECTS

 Osteopatia in ambito muscolo-scheletrico: 

  • MS1 arto inferiore - bacino
  • MS2 colonna lombare - arto superiore
  • MS3 colonna dorsale - torace
  • MS4 colonna cervicale e tecniche avanzate

 

 Osteopatia in ambito viscerale:

  • Viscerale 1: apparato gastroenterico 1 e 2
  • Viscerale 2: urogenitale e cardiorespiratorio

 

 Osteopatia in ambito craniale:

  • Cranio 1: anatomia fisiologia disfunzioni singole ossa
  • Cranio 2: diffusioni base LCR - ORL
  • Cranio 3: occhio - endocrino - vascolare - pediatrico

 

 Osteopatia in ambito mio-fasciale:

  • Fascia 1: metodiche specifiche e segmentarie
  • Fascia 2: metodiche globali ed integrate
 Medicina osteopatica-deontologia-razionale dell'OMT
 Materie di ricerca
 330 ore di 60 minuti = 15 ECTS
 Metodologia della ricerca ed elementi di statistica medica
 Progetto di ricerca e tesi (lavoro personale)
Materie professionalizzanti
500 ore di 60 minuti = 20 ECTS

 Clinica osteopatica:

  • Tirocinio clinico 1 (tirocinante osservatore)
  • Tirocinio clinico 2 (tirocinante operatore)
  • Tirocinio clinico 3 (applicazione delle tecniche osteopatiche)
  • Integrazioni ed approfondimenti clinici, approccio clinico integrato e specialistico

 

Controlli ed esami
 96 ore di 60 minuti 
 Prova finale: diploma ( D.O. )