La carta della qualità del Centre pour l’Etude, la Recherche et ...

CENTRE POUR L’ETUDE, LA RECHERCHE ET LA DIFFUSION OSTEOPATHIQUES

CARTA DELLA QUALITA’

PREMESSA

Il presente documento ha la finalità di rendere noti al pubblico gli impegni che il Centre pour l’Etude, la Recherche et la Diffusion Osteopathiques assume nei confronti del sistema in cui si inserisce e, prima di tutto, nei confronti dei suoi allievi, a garanzia della qualità e della trasparenza dei servizi formativi offerti.

 

LIVELLO STRATEGICO

             Mission

             Politica della Qualità

            Obiettivi formativi

LIVELLO ORGANIZZATIVO

            1. Offerta formativa

              Osteopatia a tempo pieno (T1):

              Osteopatia a tempo parziale (T2):

              Osteopatia a tempo pieno (T1) con riconoscimento dei crediti pregressi:

              Corsi post graduate

            2. Risorse professionali

            3. Risorse logistico - strumentali

            4. Dichiarazione della Direzione

LIVELLO OPERATIVO

LIVELLO PREVENTIVO

 

 

LIVELLO STRATEGICO

Il C.E.R.D.O. - Centre pour l’Etude, la Recherche et la Diffusion Osteopathiques - è una scuola di formazione in osteopatia che risponde ai criteri europei convalidati dal Registro degli Osteopati Italiani, R.O.I., a seguito delle linee guida internazionali (OMS e la recente norma CEN 16686)

 

Mission

La mission del C.E.R.D.O. è creare, valorizzare, attraverso un percorso formativo organizzato ed un elevato livello di docenza, la professionalità degli studenti con l’obiettivo ultimo di contribuire in modo significativo allo sviluppo e alla corretta diffusione di questa importante e qualificante disciplina che deve integrarsi con le altre professioni che operano per la salute del cittadino.

A questo scopo, la scuola ha implementato un Sistema di Gestione per la Qualità secondo i requisiti delle norme UNI EN ISO 9001:2008 e UNI ISO 29990:2011  a garanzia della correttezza e trasparenza dei processi che regolano la sua attività formativa.

Di conseguenza, la C.E.R.D.O. ha:

  •  identificato i processi necessari per il Sistema di Gestione per la Qualità e definito la loro applicazione nell’ambito dell’organizzazione;
  •  stabilito la sequenza e le interazioni tra questi processi;
  •  stabilito i criteri ed i metodi necessari per assicurarne l’efficace funzionamento e controllo;
  •  assicurato la disponibilità delle informazioni e delle risorse necessarie per supportarne il funzionamento ed il monitoraggio, al fine di migliorare la  formazione, comunicazione e creazione della consapevolezza in ambito organizzativo;
  •  monitorato, misurato ed analizzato i suddetti processi;
  •  attuato le azioni necessarie per conseguire i risultati pianificati ed il miglioramento dei processi stessi.

 

Politica della Qualità

I valori di C.E.R.D.O. e del personale si fondano sull’importanza data al servizio erogato e sulla centralità delle esigenze del cliente e trovano riscontro nella valorizzazione delle potenzialità umane e tecniche dei discenti.

A questi scopi C.E.R.D.O. si propone di:

  • diffondere la cultura della medicina osteopatica;
  • soddisfare le esigenze di ogni allievo in termini di comprensione delle metodologie e tecniche osteopatiche attraverso la completezza e chiarezza della documentazione didattica del servizio di formazione;
  • dotare l’organizzazione di un sistema organizzativo atto a garantire e gestire le attività relative al servizio erogato con procedure, metodologie e comportamenti conformi a quanto specificato dalla norma UNI EN ISO 9001:2008, al fine di rispettare gli impegni assunti;
  • migliorare l’organizzazione con il contributo di tutti gli attori del servizio offerto e delle risorse messe a disposizione dalla Direzione;
  • ricercare e stabilire accordi e convenzioni con organizzazioni e strutture sanitarie di livello tecnologico e metodologie osteopatiche adeguate;
  • mettere a disposizione le adeguate risorse per la formazione e preparazione del personale e delle strutture sanitarie coinvolte nel servizio.

Al fine di garantire che la Politica per la Qualità si traduca in fatti concreti, questa viene diffusa, compresa, attuata e sostenuta a tutti i livelli dell’organizzazione della C.E.R.D.O. e resa nota all’esterno.

Il Responsabile della Funzione Qualità soddisfa queste esigenze mediante:

  • la distribuzione a tutti i componenti del C.E.R.D.O. del Manuale Qualità (o di una parte di esso) e delle procedure di competenza delle specifiche Unità Funzionali;
  • la sensibilizzazione alla Politica per la Qualità, che viene effettuata mediante l’addestramento del personale nei modi più idonei alla specificità del caso;
  • il coinvolgimento dei docenti esterni attraverso l’illustrazione del Sistema di Gestione per la Qualità.

 

Obiettivi formativi

C.E.R.D.O. fa degli obiettivi formativi adottati la propria Mission e li considera, quindi, parte integrante della Politica per la Qualità.

Lo scopo dell’insegnamento è quello di formare un osteopata professionista in grado di comprendere la funzionalità dei diversi distretti corporei, considerando il corpo nella sua globalità, ricercare e trattare l’origine del disturbo e non gli effetti, la persona e non la malattia.

Per arrivare a questi scopi l’osteopata deve acquisire:

  • le conoscenze di base dell’anatomia, biologia, chimica, fisica, biochimica, istologia, embriologia e fisiologia;
  • le conoscenze della fisiopatologia dei vari apparati;
  • le conoscenze dell’anatomia palpatoria e della biomeccanica articolare;
  • le conoscenze dell’anatomia muscolo-scheletrica, dei sistemi nervosi, vascolari, ormonali e viscerali;
  • la capacità di definire le competenze osteopatiche, escludendo le patologie che non rientrano nel campo osteopatico, basandosi sulla clinica medica, la radiografia e la farmacologia;
  • capacità di applicare il Razionale del Trattamento Manipolativo Osteopatico;
  • la capacità manuale di mettere in atto i test di mobilità delle diverse strutture, le varie tecniche di normalizzazione secondo i principi neurologici;
  • la capacità di relazionarsi con il paziente e con altri operatori sanitari per aiutare la risoluzione del disturbo del paziente;
  • la conoscenza per intraprendere lavori di ricerca tenendo conto delle pubblicazioni esistenti.

 

LIVELLO ORGANIZZATIVO

1. Offerta formativa in 5 anni

Osteopatia a tempo pieno (T1): per tutti coloro che hanno un diploma di scuola media superiore o titolo equipollente

Ogni anno si svolgono corsi articolati in 30-35 periodi per un totale di ore annue di 768, suddivisi in:

  • 580 ore di 60 minuti o 58 ECTS di materie di base;
  • 1740 ore di 60 minuti o 126 ECTS di materie caratterizzanti;
  • 550 ore di 60 minuti o 55 ECTS di materie affini o integrative;
  • 50 ore di 60 minuti o 5 ECTS di metodologia della ricerca e guida alla tesi
  • 400 ore o 16 ECTS di studio individuale  di ricerca ed elaborazione della tesi (progetto di ricerca e tesi);
  • 1000 ore di 60 minuti o 40 ECTS di tirocinio clinico

corrispondenti a 300 ECTS (European Credit System)

 

Osteopatia a tempo parziale (T2): Riservato a tutti coloro che sono in possesso di 

laurea triennale di primo livello nelle professioni sanitarie o titolo equipollente conseguito con la normativa precedente (corsi biennali di formazione specifica, ex legge 86/42 di terapista della riabilitazione e successive modifiche) comprese tra:

  • Fisioterapia
  • Infermieristica
  • Ostetricia
  • Terapia occupazionale
  • Terapia della neuro e Psicomotricità
  • Podologia

 

laurea magistrale di secondo livello nelle professioni di ruolo sanitario:

  • Medicina e chirurgia
  • Odontoiatria

Per il laureando in Medicina e chirurgia è possibile l'iscrizione al superamento completo dei curricula didattici del 5° anno del corso di medicina, salvo l'obbligo di ottenere la relativa laurea prima dell'iscrizione alla prova finale del conseguimento del D.O.

 

Il corso è articolato in 8 seminari per un totale di 320 ore annue pari a 1600 ore per l’intera formazione (senza controlli ed esami), più 300 ore di preparazione tesi, così suddivisi:

  • 260 ore di 60 minuti o 26 ECTS di materie di base
  • 850 ore di 60 minuti o 59 ECTS di materie caratterizzanti
  • 330 ore di 60 minuti o 15 ECTS di materie di ricerca (incluso lavoro personale di progetto di tesi)
  • 500 ore di 60 minuti o 20 ECTS di materie professionalizzanti

Per un totale di 1940 ore per l'intera formazione corrispondenti a 120 crediti formativi (ECTS)

 

Osteopatia a tempo pieno (T1) con riconoscimento dei crediti pregressi:

I titoli di studio per l'ammissione ai Corsi di Osteopatia del C.E.R.D.O. sono:

  • Diploma di scuola secondaria superiore e Laurea in Scienze Motorie o titolo equipollente. 

Dal 2016-2017 è prevista questo tipo di formazione anche se viene consigliata la formazione T1 a tempo pieno completa.

Il corso a tempo pieno è di 768 ore annuali ed è articolato in 5 anni:

  • 580 ore di 60 minuti o 58 ECTS di materie di base
  • 1740 ore di 60 minuti o 126 ECTS di materie caratterizzanti
  • 550 ore di 60 minuti o 55 ECTS di materie affini o integrative
  • 50 ore di 60 minuti o 5 ECTS di metodologia della ricerca e guida alla tesi
  • 400 ore o 16 ECTS di studio individuale di ricerca ed elaborazione della tesi (progetto di ricerca e tesi)
  • 1000 ore di 60 minuti o 40 ECTS di tirocinio clinico

Per un totale di 4320 ore per l'intera formazione, corrispondenti a 300 crediti formativi (ECTS)

 

Corsi post graduate: indirizzati a coloro che frequentano il 6° anno del corso di Osteopatia presso scuole accreditate del R.O.I. (registro osteopati italiano) e a tutti gli osteopati membri del R.O.I..

Consistono in convegni tematici per l’approfondimento e il perfezionamento delle competenze che rientrano nel profilo professionale dell’Osteopata.

 

2. Risorse professionali

I docenti del C.E.R.D.O. sono 72, di cui:

  • 40 con Diploma in Osteopatia e titolo di Fisioterapista o Terapista della Riabilitazione;
  • 4 con Diploma in Osteopatia e laurea in Medicina e Chirurgia;
  • 27 con laurea specifica.

Le aree di competenza ricoperte dai docenti ricomprendono tutte quelle necessarie allo svolgimento dei corsi e sono:

Anatomia topografica, palpatoria e funzionale. Anatomia umana sistematica. Elementi di biochimica. Elementi di biologia applicata. Elementi di chimica. Elementi di clinica ortodontica. Elementi di comunicazione e dinamiche relazionali. Elementi di diagnostica per immagini. Elementi di dietetica e scienza della nutrizione. Elementi di embriologia e istologia. Elementi di endocrinologia. Elementi di farmacologia. Elementi di fisica e biofisica. Elementi di fisiologia umana. Elementi di gastroenterologia. Elementi di geriatria. Elementi di ginecologia edostetricia. Elementi di malattie dell’apparato cardiovascolare. Elementi di malattie dell’apparato respiratorio.  Elementi di malattie dell’apparato visivo. Elementi di medicina dello sport. Elementi di medicina fisica e riabilitativa. Elementi di medicina legale e deontologia. Elementi di nefrologia ed urologia. Elementi di neurologia. Elementi di ortopedia e traumatologia. Elementi di otorinolaringoiatria. Elementi di patologia clinica e di laboratorio. Elementi di patologia generale e immunologia. Elementi di pediatria generale e specialistica. Elementi di psicologia clinica e psichiatria. Elementi di psicologia generale e sociologia. Elementi di reumatologia. Elementi di semeiotica medica. Elementi di statistica medica. Fisiologia articolare e biomeccanica. Inglese. Medicina di pronto soccorso (BLS). Metodologia della ricerca. Microbiologia e igiene. Osteopatia in ambito craniale. Osteopatia in ambito mio-fasciale. Osteopatia in ambito muscolo-scheletrico. Osteopatia in ambito viscerale. Principi e filosofia osteopatica. Razionale dell'OMT. Sintesi ed integrazione osteopatica - Approfondimenti.

 

3. Risorse logistico strumentali

  • 8 aule modulabili.
  • 2 segreterie (didattica e clinica).
  • 1 sala ristoro.
  • 1 biblioteca con annessa sala studio multimediale.
  • 6 studi per la clinica.
  • 2 uffici (amministrazione e logistica).
  • 12 bagni (di cui 5 per persone diversamente abili).

Tecnologie informatiche: server C.E.R.D.O., rete con 11 pc, wifi zone.

 

4. Dichiarazione della Direzione

La Direzione si impegna a consegnare ai suoi discenti la Carta di qualità dell’offerta formativa, il programma dell’anno in corso in cui sono esplicitate le caratteristiche del servizio formativo offerto, le modalità di accesso ai corsi e le modalità di valutazione finale. Inoltre, alla fine dei corsi rilascerà i diplomi e gli attestati di partecipazione ai corsi, a seconda del corso frequentato.

 

LIVELLO OPERATIVO

Il Sistema di Gestione per la Qualità adottato dal C.E.R.D.O. è orientato al miglioramento continuo dei processi e del servizio offerto, secondo i principi della norma ISO EN UNI 9001:2008. Per far questo si basa sul monitoraggio delle attività dell’organizzazione. La tabella che segue evidenzia il modello di rilevazione e verifica degli aspetti dell’organizzazione ritenuti strategici per il miglioramento continuo dei servizi formativi offerti.

La tabella è strutturata in:

  1. Attività: gli aspetti strategici del servizio formativo e dell’organizzazione della scuola.
  2. Fattori di qualità: elementi fondamentali da presidiare in relazione alla gestione della qualità.
  3. Indicatori: criteri di misurazione quantitativa e/o criteri di valutazione qualitativa per programmare e controllare il presidio dei fattori di qualità individuati.
  4. Standard di qualità: obiettivi specifici di qualità che il C.E.R.D.O. si impegna a raggiungere in corrispondenza a ciascun fattore in funzione del relativo indicatore.
  5. Strumenti di verifica: modalità con cui viene controllato il rispetto degli standard fissati.

 

ATTIVITA’

FATTORI DI QUALITA’

INDICATORI

STANDARD DI QUALITA’

STRUMENTI DI VERIFICA

 Progettazione dei servizi  formativi. 

 

 Analisi del contesto di  riferimento.
 
 Soggetti con cui si hanno  accordi/intese.
 Parere positivo del R.O.I..
 Documentazione, email, colloqui documentati.
 
 Conformità al Sistema di  Gestione per la Qualità.
 
 Numero di non conformità  rilevate.
 NC annue inferiori alla  precedente progettazione per i  corsi di osteopatia.
 Relazione della Direzione o del Responsabile della  Funzione Qualità (anche inseriti nel Riesame della  Direzione annuale).
 Successo della progettazione.
 
 Numero di iscritti per i corsi di  osteopatia e Post graduate.
 
 Approvazione del R.O.I..
 Corsi pieni.
 Incremento annuo dei corsi  Post graduate.
 Moduli di iscrizione.
 Erogazione dei servizi  formativi.
 Chiarezza e completezza delle  informazioni nella fase di  diffusione.
 Utilizzo di mezzi di  comunicazione diversi (web,  carta, email) per pubblicizzare i  corsi.
 Diffusione e  pubblicizzazione della Carta  della Qualità.
 Visite del sito, email, richiesta  del programma.
 Visione della Carta della    Qualità da parte degli utenti  prima dell’iscrizione. 
 Moduli di iscrizione sottoscritti dai candidati.
 Visite sul sito.
 Chiarezza, correttezza e  completezza delle  attività relative alla selezione.
 NC rilevate nelle attività di  selezione.
 Reclami.
 Rispondenza ai requisiti  richiesti.
 Verbali. Elenchi discenti ammessi. Autorizzazione  all’inizio dell’attività formativa.
 Completezza delle  attivitàgestionali e didattiche in  itinere.
 NC rilevate nello svolgimento  delle attività.
 Questionari di valutazione dei  corsi.
 Numero di NC  annue rilevate durante  l’erogazione non superiore al  numero di corsi erogati per  ogni anno formativo.
 Modulistica di controllo delle NC. Riesame della  Direzione. Questionari di valutazione.
 Rispondenza del servizio  formativo erogato al progetto  pubblicizzato.
 Grado di soddisfazione  rilevato  nei questionari di  valutazione  dei docenti e degli  allievi.
 Soddisfazione dei docenti e  degli allievi su livelli superiori  alla sufficienza.
 Questionari di valutazione dei docenti e degli allievi.
 Verbali delle riunioni dei docenti.
 Riesame della Direzione.
 Tempestività nella gestione delle  NC registrate.
 Apertura azioni correttive.
 Risoluzione entro la fine del  corso o entro l’inizio di quello  successivo.
 Documentazione di controllo sulle NC.
 Riesame della Direzione.
 Soddisfazione fine corso.
 Grado di soddisfazione  rilevato  nei questionari di  valutazione  degli allievi (media  annua).
 Media annua di soddisfazione  degli allievi su livelli superiori  alla sufficienza.
 Questionari di valutazione degli allievi.
 Riesame della Direzione.
 Risultati di fine corso degli  allievi.
 Allievi che conseguono il  diploma/ottengono l’attestato.
 Conseguimento del  diploma da parte del 95% dei  discenti.
 Attestati finali.
 Tutte le attività.
 Comunicazione.
 Controllo visite sito internet.
 Controllo su Emagister.
 Aumento visite internet del 5%  annuo.
 Aumento visibilità su altri  media.
 Analisi visite sito.
 Analisi dei ritorni sulla divulgazione tramite altri media.
 Progetti finanziati:  amministrazione e controllo
 Completezza e rispetto della  normativa di settore.
 Documentazione richiesta.
 Approvazione e concessione  dei crediti
 Modulistica e registri. Verifiche ed ispezioni interne ed  esterne.

 

LIVELLO PREVENTIVO

Dispositivi di garanzia e tutela di committenti e beneficiari.

C.E.R.D.O. ha implementato un Sistema di Gestione per la Qualità che prevede procedure finalizzate a garantire e tutelare committenti e beneficiari dei suoi servizi formativi. In particolare, tali procedure sono:

Non conformità – azioni correttive e preventive, in cui vengono definite le responsabilità e le azioni per la gestione dei reclami e della non conformità.

Gestone del miglioramento, in cui vengono definiti gli strumenti di analisi dei questionari di valutazione e la gestione dei risultati.

Inoltre, la segreteria della scuola costituisce un ulteriore servizio di informazione e rilevazione: via telefono al 063234551, via fax al 063218576, via email al cerdo@cerdo.it .

 

Condizioni di trasparenza.

La diffusione al pubblico avviene tramite la pubblicazione sul sito C.E.R.D.O., la consegna ai docenti e al personale e a coloro che ne facciano richiesta, l’affissione nei locali della scuola visibile a tutti. Gli stessi metodi di diffusione riguardano le revisioni.

La presente Carta della Qualità sarà oggetto di revisione in sede di Riesame della Direzione annualmente.

 

Descrizione delle attività dei responsabili posti a presidio dei processi.

 

FUNZIONE

ATTIVITA’

 Responsabile del processo di direzione:

 

  • definizione di strategie organizzative, commerciali e standard del servizio;
  • coordinamento delle risorse umane, tecnologiche, finanziarie e organizzative;
  • supervisione della manutenzione e miglioramento del servizio;
  • gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza;
  • valutazione e sviluppo delle risorse umane.

 Responsabile dei processi economico-  amministrativi:

  • gestione contabile e degli adempimenti amministrativo–fiscali;
  • controllo economico;
  • rendicontazione delle spese;
  • gestione amministrativa del personale;
  • gestione amministrativa di risorse finanziarie pubbliche nel settore della formazione, dell’educazione e dell’orientamento.

 Responsabile del processo di analisi e  definizione dei fabbisogni:

  • diagnosi generale (quadro nazionale) dei fabbisogni di figure e competenze professionali;
  • diagnosi specifica (regione/PA) di bisogni professionali e formativi in settori, sistemi produttivi territoriali ed imprese;

 Responsabile del processo di  progettazione:

 

  • progettazione di massima, esecutiva e di dettaglio di un’azione corsuale;
  • progettazione di percorsi individualizzati nel settore della formazione, dell’educazione e dell’orientamento.

 

 Responsabile del processo di  erogazione dei servizi:
  • pianificazione del processo di erogazione;
  • gestione delle risorse umane, tecnologiche e finanziarie del processo di erogazione;
  • gestione delle relazioni e degli accordi con la committenza;
  • monitoraggio delle azioni o dei programmi;
  • valutazione dei risultati ed identificazione delle azioni di miglioramento nel settore della formazione, dell’educazione e del miglioramento.

 

 

Roma, dicembre 2016

 

Il Direttore Generale                                                                                                         Il Responsabile del Processo di Gestione per la Qualità

 

 

 

Carta della qualità